Home arrow Energia arrow Dati di un tetto fotovoltaico a Tradate. Sempre aggiornati!
Dati di un tetto fotovoltaico a Tradate. Sempre aggiornati!
Di Administrator, Sunday 07 February 2010
Visite 5390

GENNAIO 2010

INFO: Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

Il mio tetto solare da 3 kWpicco ha compiuto un anno (15 gennaio 2009-15 gennaio 2010).
Ecco i dati definitivi:

 
Produzione totale: 3800 kWh

 
Produzione prevista: 3300 kwh
 
Incasso dal GSE : 3800 X 0,42 = 1596 euro
 
Ulteriore guadagno per l'uso gratuito dell'energia prodotta : 400 euro (circa)
 
Incasso netto annuo: 2000 euro

 
Spese:
rata banca (15 anni) 1200 euro +
assicurazione 70 euro +
assistenza 70 euro
= 1340 euro

 
Conclusioni: quest'anno il mio tetto solare mi ha fatto guadagnare circa 660 euro!

 
Una scelta ambientalista che premia il portafoglio oltre alla coscienza!!!

OTTOBRE 2009

Produzione dal 1 Gennaio al 25 Ottobre 2009: 3550 KWh
 
il tetto in questione ha prodotto quindi molto di piu di quello che doveva produrre in un anno: 3100 KWh
 
La produzione è stata di circa 1000 KWh superiore al consumo.
Dunque la prima rata riscossa da GSE è di 750 euro mentre la prima rata che dovrò pagare alla banca a partire dal giugno 2010 è di circa 700 euro.
 
E non pagherò più le bolette ENEL!!
GENNAIO 2009

Ecco i primi risultati inviatici da un concittadino che ha investito in prima persona nell'energia solare:

"Energia del mio tetto solare a Tradate impianto di 3 Kw falda sud-sudest valori in kilowattora:

mese....... gennaio........febbraio ........marzo...aprile......maggio

resa /Kw ......62,33 ...........78 .................120......133.........141

resa totale ....187 ............234 ...............360........400.........424

consumo
medio
mensile .........250............270 ................270........270.........250

Ottimi risultati, superiori alle previsioni, nonostante il brutto inverno, un marzo favoloso ha fatto sì che la produzione sia già quasi arrivata al consumo!"


FOTOVOLTAICO A TRADATE

Installare un sistema di pannelli fotovoltaici sul tetto della propria abitazione è una scelta che richiede di considerare diversi parametri.
I principali sono:

Ritieni che il problema dell’energia nel mondo riguardi sempre altri o vuoi fare anche tu qualcosa?
Ritieni che il costo dell’energia sia destinato a crescere nei prossimi anni?
Hai constatato che le temperature medie e le giornate di sole in un anno tendono ad aumentare
Il tuo tetto è rivolto a sud o a sud-est o a sud-ovest?
La parte che non riceve ombre da alberi o camini ecc. ha una superficie di almeno 15 metri quadrati?
Se è tutto O.K. si può proseguire.

LegambienteTradate ha creato un gruppo di acquisto tra diverse famiglie interessate al fotovoltaico con lo scopo di arrivare all’installazione eseguendo le scelte migliori.

Alcuni dati sintetici:
Il conto energia prevede di riconoscere per ogni Chilovattora prodotto dal tuo impianto 0,42 euro per 20 anni.
Inoltre tutta l’energia prodotta in un anno dal tuo impianto la puoi scalare dalla bolletta del tuo contatore così che, per esempio, se hai consumato 3000 KWH in un anno e hai prodotto 3000 KWH con il tuo impianto non paghi nulla all’ENEL.
I valori dell’esempio sono significativi perché mediamente una famiglia consuma quel valore e, mantenendo lo stesso esempio, per produrre una pari cifra di KWH serve installare sul tetto una potenza, per Tradate, di circa 2,7 KW di picco.
Tale impianto richiede circa 18 mq. Di tetto e costa circa 19000 euro.
A questo punto occorre parlare di redditività e costi dell’impianto.
Le scelte sono due: o i soldi li sborso io e facendo a meno del finanziamento delle banche ( che ti chiedono circa il 4% di interessi) otterrò un beneficio economico maggiore oppure, se non voglio sborsare nemmeno un euro :
ancora due scelte:
scegliamo il miglior fornitore di fotovoltaico e la migliore offerta bancaria che all’incirca si sviluppa così:
prestito al 4% in 10 o 15 anni
in 10 anni dovrei pagare una differenza tra soldi ricavati dal gestore di rete e rimborso del mutuo di circa 30 euro al mese (in pratica una bolletta un po più cara ma per 10 anni al costo dell’energia di oggi! Mi azzarderei a dire che continueresti a pagare la tua normale bolletta)
per altri dieci anni oltre che non pagare più bollette ENEL avrai un’entrata di (per 3000 KWH prodotti)---3000 X 0,42 = 1260 euro ogni anno.
Con il finanziamento in 15 anni (che consiglio) l’incentivo del gestore equivale circa alla rata del finanziamento, se l’impianto è progettato per produrre circa quanto consumo in un anno avrò in più da subito che non pagherò più la bolletta ENEL per 20 anni e più (fino alla vita dei pannelli, sempre maggiore di 20 anni) ed ancora in più avrò che tra 15 anni, esaurito il mutuo, arriverà tutto l’incentivo dal gestore nelle mie tasche per 5 anni ancora.
Il tutto è molto sintetico, ma si può già intuire che, oltre a risvolti etici di tale scelta, essa è anche economicamente vantaggiosa, anche per chi non vuole anticipare soldi propri.

Sono disponibile per chiarimenti
Un saluto
Maurizio Alberti
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

Pubblicato in : , Energia

Commenti utenti (0) Flusso RSS dei commenti

Nessun commento

Aggiungi un commento



mXcomment 1.0.2 ę 2007-2018 - visualclinic.fr
Licenza Creative Commons - Alcuni diritti riservati
Versione italiana realizzata da fiuh.it
 
< Prec.   Pros. >
© 2018 Legambiente Tradate
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.