Home arrow Home arrow Villa Inzoli - Un requiem
Villa Inzoli - Un requiem
Di Legambiente Tradate, Thursday 20 October 2011
Visite 5453

Legambiente Tradate ha ricevuto in questi giorni numerose segnalazioni  di cittadini allarmati che segnalavano  la distruzione di una parte del parco di alberi di alto fusto di Villa Inzoli.  Già l’anno scorso segnalammo a tutta la cittadinanza che “stranamente” venivano tagliati tutti gli alberi secolari più belli del parco della villa  lasciando in piedi quelli morti e malati (mentre personaggi autorevoli  sulla stampa dichiaravano il contrario!).

 
A tutti i cittadini di Tradate che hanno a cuore l’ambiente della nostra città Legambiente Tradate  vuole far sapere che da anni stiamo confrontandoci con l’Amministrazione  per poter giungere ad una inversione di tendenza nei confronti dell’uso del suolo.
 
Due anni fa, con la campagna di raccolta firme per  un “CONSUMO DI SUOLO ZERO” abbiamo raccolto più di 800  firme, tra le quali spiccavano quelle del  nostro attuale Sindaco e del Vicesindaco, nonché assessore all’ecologia.
Con questa petizione popolare  si chiedeva una presa di posizione da parte del Consiglio Comunale per impedire ulteriori cementificazioni dopo anni di notevole e continuata edificazione (che ha portato ad avere a Tradate un enorme numero di case non utilizzate).
 
Ci chiediamo cosa possiamo rispondere a tutti i cittadini firmatari  se,dopo due anni, la logica di lottizzazione e del profitto domina ancora contro qualsiasi tentativo di introdurre un approccio più sensibile alle istanze dell’ambiente.
 
Il disboscamento  di questi giorni in Villa Inzoli (un altro bosco che scompare per lasciar spazio a cemento-residenze di lusso), dopo tutto quello a cui abbiamo assistito in questi anni,  non è che l’inizio di ciò che ancora avverrà in un prossimo futuro:
scomparirà il grande parco secolare di Villa Mayer ad Abbiate ( una parte è già stata trasformata in un prato con tanto di vialetto illuminato!)
 
scomparirà una enorme porzione di bosco adiacente alla nuova zona industriale interrompendo per sempre il corridoio ecologico della valle Olona (nuovo PIP)
 
scomparirà il bosco di via Broggi (tanto difeso dagli abitanti del quartiere), che risultava di proprietà del comune e della chiesa
 
scomparirà il bosco adiacente alle vie Rigamonti- Mayer, ove già una parte di bosco è stata sacrificata per  lo “sviluppo” una improbabile futura viabiltà 


 
E’ evidente la nostra amarezza e la nostra frustrazione, tuttavia il nostro  operato continua, continuiamo ad educare i giovani, a piantare con essi nuovi alberi puntando su un cambio di mentalità e di cultura, sperando che in quel momento ci sia ancora qualcosa da salvare!
 
Legambiente Tradate vorrebbe  perlomeno constatare che l’Amministrazione, nella stesura  dell’imminente Piano di Governo del Territorio, applichi il criterio di massimo rispetto per l’ambiente. 
Non ci riferiamo tanto al colore delle mattonelle o alla scelta delle roselline delle bordure ma a soluzioni e criteri per la salvaguardia dell’ecosistema, mantenendo per esempio corridoi ecologici, aree verdi boscate, all’obbligo di nuove piantumazioni, a compensazioni ambientali reali e non di facciata…
 
Legambiente Tradate offre come sempre la propria collaborazione ad un tavolo con Amministrazione e Commissione Territorio per ogni scelta a riguardo.


 
 
 
 
 
 
 
 
 

Pubblicato in : , Territorio

Commenti utenti (1) Flusso RSS dei commenti
Scritto da Leo, 25-04-2012 09:25,
1. S.
I partiti sono la peggior forma di governo del territorio. In particolare Lega e PDL, stanno devastando e distruggendo quanto il loro padri, delle cui tradizioni si vantano di essere gli unici veri depositari, hanno con sacrificio costruito. Ovviamente un vantaggio c'Ŕ ...... cercatelo nei loro portafogli. 
 
Grazie. 
Leo
 
» Segnala questo commento a un amministratore
» Rispondi a questo commento...

Aggiungi un commento



mXcomment 1.0.2 ę 2007-2018 - visualclinic.fr
Licenza Creative Commons - Alcuni diritti riservati
Versione italiana realizzata da fiuh.it
 
< Prec.   Pros. >
© 2018 Legambiente Tradate
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.