Home arrow Eventi, Ambiente e... arrow Troppa demagogia sig. Cattaneo!
Troppa demagogia sig. Cattaneo!
Di Maurizio Alberti, Tuesday 30 November 2010
Visite 5602

AUTOSTRADA VA-CO-LC: Troppa demagogia sig. Cattaneo!
 
Scrivo queste note dopo aver trascorso tutta la mattinata , dalle 7.00 alle 12.30, per percorrere il tratto Saronno - Orio al Serio. La maggior parte di tali ore l’ho passata in coda, chiuso nell’autostrada, nella tangenziale Nord. 
Lì pensavo alla legge della dinamica che l’Assessore alle Infrastrutture e Mobilità della Regione Lombardia, Raffaele Cattaneo, ha usato nel convegno di Malpensa Fiere per la promozione della nuova autostrada VA CO LC.
Quindi da Varedo a Bergamo, tutta autostrada, a 130 all’ora, avrei dovuto impiegare circa 20 minuti; invece sono passate delle ore!!
Perché da Varedo?  
Perché da Saronno la Como-Milano risultava già con auto ferme!!
Applicando ancora la legge del Sig. Cattaneo, da Saronno a Bergamo sarebbero bastate meno di mezz’ora! 
Ho rischiato di perdere l’aereo, la prossima volta userò il mezzo pubblico!
Qualcuno risponderà che è per questo che ci vogliono nuove autostrade, ma fino a quando?
Fino a che ognuno avrà la sua autostrada, che parta da casa e giunga al proprio posto di lavoro!
Parlando seriamente l’approccio a una realtà complessa e fortemente antropizzata come tutto il Nord Milano non si può affrontare con uno slogan (“Varese Lecco in mezz’ora”, i giornali intitolavano nei loro articoli), perché gli slogan fanno presa sul grande pubblico ma durano poco.
La realtà è più complessa: è fatta di code agli ingressi e alle uscite, di pagamento di pedaggio, d’ inquinamento dell’aria, di speculazioni edilizie connesse alla nuova arteria;…Il percorso ipotizzato interessa moltissime auto per tratti brevi, così brevi che, per non pagare il pedaggio, molte auto useranno la viabilità ordinaria. Solo una piccola percentuale è interessata alla distanza Varese Lecco. 
Gli introiti autostradali sarebbero molto meno del previsto e l’economicità del progetto, che già sta in piedi solo se lo Stato si accollerà il 50% circa del costo dell’intera opera, verrebbe meno.
L’importante però è farla!?  Questo veniva ribadito all’incontro di Malpensa Fiere, tenutosi il 15 novembre 2010. 
La gestione dell’incontro da parte delle Camere di Commercio è stata molto coerente con gli obiettivi che esse si sono prefissate e l’Assessore alle Infrastrutture e Mobilità, ha praticamente avallato le loro richieste come se, da Assessore, si senta per principio predisposto ad accogliere tutte le richieste autostradali che nascono in Lombardia. 
Se l’Assessore Cattaneo (ed il suo partito PDL) è così convinto sul fare l’autostrada, le speranze di contrastare questo progetto sono affidate all’opposizione e alla Lega Nord.  Si può sapere esattamente il punto di vista di questi partiti?
Siamo tutti ansiosi di essere invitati alla presentazione di uno studio di fattibilità della nuova linea metropolitana Varese Como Lecco! A  quando l’evento?
Qualcosa finalmente si sta muovendo in questo campo, è partito il primo treno privato sulla Milano Torino che ha tra i suoi presupposti il rispetto dei passeggeri!
Al convegno invece nessuno ha presentato le criticità del progetto, ma esse sono così tante che sarà necessario convocare un nuovo incontro per affrontarle.
Non per niente nessun Sindaco o Presidente della Provincia è intervenuto.
Chi ha il polso della situazione, chi sa “sentire” i propri cittadini, capisce che dietro alla VA CO LC  sono celati tanti problemi e stravolgimenti del territorio, che non verranno mai accettati da chi gestisce e da chi vive in aree a forte valenza ambientale.
Ormai le edificazioni dei singoli paesi sulla tratta in questione, spesso incontrollate e caotiche, rendono impossibile una soluzione autostradale valida in tutti i sensi.
Il forte pendolarismo può essere gestito con un progetto su rotaia che ci porterebbe tra i paesi più innovatori nel campo della mobilità sostenibile (insieme alle esperienze di Friburgo, di Amsterdam, di Monaco di Baviera, di interi quartieri “car free” che sorgono in Europa).
Invece all’incontro di Malpensa Fiere si sosteneva che le 2500 automobili che ogni giorno transitano tra Varese e Lecco, con la nuova autostrada esse potrebbero decuplicare. E questo non solo è ipotizzato nel progetto presentato, ma è anche auspicato come un traguardo da raggiungere!.
Quindi ci saranno più di 100.000 automobili oltre ai mezzi pesanti che transiteranno davanti (o sotto) agli esterefatti cittadini dei paesi che già adesso superano i livelli di guardia dell’inquinamento da polveri sottili. 
E’ giusto fare qualcosa, ma NON peggiorando la salute e la qualità della vita di migliaia di cittadini che vivono ancora in una terra che amano, neanche per lo slogan “ da Varese a Lecco in mezz’ora” . 
 
Dott. Maurizio Alberti
 
Socio Legambiente Tradate
 
 
 
 
 

Pubblicato in : , Territorio

Commenti utenti (0) Flusso RSS dei commenti

Nessun commento

Aggiungi un commento



mXcomment 1.0.2 ę 2007-2019 - visualclinic.fr
Licenza Creative Commons - Alcuni diritti riservati
Versione italiana realizzata da fiuh.it
 
< Prec.   Pros. >
© 2019 Legambiente Tradate
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.