Home arrow Energia arrow In piazza per il clima
In piazza per il clima
Di Maurizio Alberti, Monday 14 December 2009
Visite 4489

Domenica 13 dicembre nuovo bliz di Legambiente Tradate!
In concomitanza con il summit di Copenaghen i volontari di Legambiente in 200 piazze italiane sono scesi nelle piazze per spingere i potenti verso un accordo equo, significativo e responsabile che vinca l’egoismo dei paesi ricchi.
A Tradate, in piazza Mazzini, L.A.T. ha manifestato di fronte al municipio.



Attrezzati con pinne, canoe, maschere e salvagenti per prefigurare, simpaticamente, ciò che potremo aspettarci nei prossimi anni:
effetto serra, cambiamenti climatici, inondazioni, desertificazioni, sommersione di città….
Si sta creando una strana spersonalizzazione tra i cittadini. La stragrande maggioranza degli scienziati mondiali è concorde nell’affermare che le scelte energetiche dei prossimi anni saranno decisive per la sopravvivenza del pianeta, notandosi già ora i primi, preoccupanti, effetti.
L’incredibile è che, nelle scelte quotidiane, ognuno continua a vivere come se nulla fosse cambiato, anzi, i consumi energetici a Tradate, sia pubblici che privati, sono senz’altro aumentati.
Ci si illude che altri risolveranno il problema, il tutto senza modificare la nostra vita quotidiana. E’ proprio questa l’illusione che dobbiamo abbattere, mettendo in discussione le nostre scelte quotidiane, fino ad arrivare a proporre scelte pubbliche significative.
 
Tradate, grazie anche al contributo di L.A.T. ha avviato questo percorso, ricordiamo i risultati che si sono ottenuti per la raccolta differenziata, per la diffusione del fotovoltaico, per il successo delle linee pedibus. Ciò dimostra che un Comune può fare molto se opera in collaborazione con le associazioni che portano avanti valide proposte, con l’obiettivo di colmare il gap con tante città d’Europa che hanno già raggiunto significativi risultati nel campo energetico. Anche in Italia abbiamo validi esempi: esiste anche un elenco di “comuni virtuosi” rispettosi dell’ambiente.
E’ ora quindi che ci si muova concordemente per affrontare questa nuova sfida. Diceva un cartello presente domenica in piazza :
"dicembre 2029 Tradate……………CO2……………SVEGLIA!!!!"
Cioè facciamo qualcosa senza aspettare gli altri, prima che sia tardi.
Proporremo all’Amministrazione un tavolo di lavoro per l’istituzione di un Osservatorio dell’energia, ove alla presenza di amministratori, professionisti ed ambientalisti si analizzino i consumi, pubblici e privati e si studino i provvedimenti per limitare i consumi energetici, per la riduzione degli sprechi pubblici di energia ed incentivare le energie alternative, l’isolamento degli edifici, il rimboschimento. Il tutto accompagnato da una adeguata campagna di diffusione e sensibilizzazione.


L’Italia ha sottoscritto precisi impegni per la riduzione dei propri consumi entro il 2020
ridurre i gas ad effetto serra del 20% (o del 30%, previo accordo internazionale);
ridurre i consumi energetici del 20% attraverso un aumento dell'efficienza energetica;
soddisfare il 20% del nostro fabbisogno energetico mediante l'utilizzo delle energie rinnovabili.
 
Occorre solo lavorare seriamente, ed ognuno deve fare la propria parte.
I volontari di Legambiente Tradate sono pronti! E voi?
 

Pubblicato in : , Energia

Commenti utenti (0) Flusso RSS dei commenti

Nessun commento

Aggiungi un commento



mXcomment 1.0.2 ę 2007-2018 - visualclinic.fr
Licenza Creative Commons - Alcuni diritti riservati
Versione italiana realizzata da fiuh.it
 
< Prec.   Pros. >
© 2018 Legambiente Tradate
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.